Nelle opere in cui vengono rappresentate le figure femminili, ispirate alle figure preistoriche, viene esaltata la Dea madre, come essenza della femminilità, della procreazione, della fertilità, della terra, come mezzo di fecondità, di vita nuova. E’ una esaltazione della donna come depositaria del valore positivo della rigenerazione, portatrice di vita.